Posts contrassegnato dai tag ‘alemanno’

 

A noi ce piace de magnà e beve

 

– Ah Umbè hai esaggerato co sta storia dei porci romani… vabè dai mo assaggia sti bucatini!

– Ah Gianni, ve c’ha roduto er culo eh! Ma stavo a scherzà e daje, ma che me frega guarda come sto bene io a Roma… e magna sta polenta!

– Quanto sei matto Umbè, me fai ammazzà da e risate, pure quanno dici, com’è quella… Roma ladrona… E bevete sto frascati…

– “Roma Ladrona la Lega ‘mbriacona!” Senti che dè sto Lambrusco…

– Solo che i romani me l’hai fatti incazzà, ma pure loro che se pensavano, che annavo a fa a guerra ai padani coll’alloro in testa, ma chi so Giulio Cesare io?! oh però non me stai a assaggià sti carciofetti…

– Ma perchè a me me ce vedi a beve a pozione de Panoramix, che manco me reggo in piedi, me serve pure a Polverini che me imbocca… ma te piaceno sti tortellini?

– Eh ma ‘nfatti ma pure st’artri quattro che te stanno sempre appresso a Umbè, ma chi so?? Ma ‘n ce poi annà in giro da solo te? Te sta a piacè l’abbacchietto senza spine eh!!

– Me stanno sempre appresso a Già, dice che dico stronzate senza de loro! Bono sto prosciuttino eh?

– E ‘nvece co loro appresso nu e dici vero Umbè?? Tiè te ‘mbocco a pajata!

– Nun ricomincia a Già, guarda che chiamo Obelix e te faccio menà! Ma che me lasci er culatello??

– Sei troppo forte Umbè! E famo pace daje… e famose n’artro quartino!

– Nun me fa beve che sennò me viè da dì che sete ladri… pe’ fa du metri er tassinaro m’ha fregato 50 €! E puliscite a bocca che  te sei sporcato de sugo!

– Nun me toccà i tassinari che so amichi mia eh! E poi m’hanno dato pure ‘na mano a vince, sennò se stavamo ancora a fa du cojoni co i Beatles e i film che piaciono a Veltroni! ‘Nvece mo io faccio pure corre a Formula 1 all’Eur! Senti sta porchetta, delicatissima…

– Eh no, t’ho detto de no, e macchine ce l’ho io a Monza, nun ce provà… becchete sto strudel!

– Vabè dai ma sta tranquillo se metteremo d’accordo no… magari davanti a n’artra ciambellina da inzuppà ner vino…

– Bone oh… basta che se magna!

Annunci

Ieri hanno sfilato i nostri “connazionali” scampati al terremoto di Haiti e tornati in Italia.

Su tutte si è fatta notare, anche perchè i nostri telegiornali l’hanno mandata a reti unificate, una funzionaria Onu che ha rimarcato il suo ringraziamento al Governo italiano, puntuale e perfetto. Alemanno e il Governo, ovviamente, non hanno perso occasione per farsi vedere sorridenti e accoglienti.

E così a Ciampino sono sbarcate, escludendo i funzionari Onu e gli operatori umanitari, persone che vivevano a Haiti da più di cinquant’anni, giovani che l’Italia nemmeno l’avevano mai vista, gente nata ad Haiti ma con parenti italiani.

Insomma italiani tanto quanto io sono greco.

Un vecchietto ha riabbracciato i parenti che non vedeva da sessant’anni. Probabilmente, dopo la commozione mostrata alle telecamere, si sono chiesti chi cazzo fosse e cosa volesse da loro, visto che in tutto questo tempo non aveva trovato il modo di andarli a trovare.

Uno dei dispersi “italiani” era proprietario di un supermercato ad Haiti: uscendo per un attimo dal pietismo per la strage e le centinaia di migliaia di morti, questo non stava meglio di me?

Perchè dobbiamo considerarlo italiano, perchè dobbiamo portarlo in Italia? Non è per i soldi, ci mancherebbe che non lasciamo spendere un po’ di soldi al Governo per fare bella figura!

Ma che me ne frega di questi cento “italiani” morti in un terremoto che di vittime ne ha fatte trecentomila, se non frega quasi nemmeno ai loro parenti?

Non consideriamo italiane le badanti ucraine, i bambini cinesi o nigeriani che parlano romano e che a Roma sono nati, non riconosciamo cittadinanza, voto, diritti, agli immigrati rumeni, marocchini, senegalesi, albanesi, filippini che in Italia vivono e lavorano regolarmente da decenni, ma ci affrettiamo a riportare in Italia e a considerare italiani persone che l’Italia nemmeno l’hanno mai vista, o di certo neanche se la ricordano.

Rincorriamo un calciatore scarto del Brasile per portarlo in nazionale, mentre Balotelli che parla bresciano lo consideriamo un ragazzino viziato perchè si ribella ai fischi razzisti, Okaka veniva fischiato anche dai suoi tifosi, ma è nato a Castiglion del Lago e c’ha pure il donca quando parla. Ma i due sono sporchi negri, mentre Camoranesi è bianco, e anche se l’Italia l’ha vista solo per venirci a prendere i miliardi è campione del mondo.

Se arriva il terremoto voglio l’aereo con la bandiera greca che mi prende a S.Egidio e mi porta a Patrasso.