Posts contrassegnato dai tag ‘progetti’

un paio di tuffetti al cuore, un concorso vinto, un lavoro in attesa e uno lasciato, una carriera prestigiosa finita senza essere mai iniziata, una tesi non fatta e una laurea non ancora presa, gli occhiali persi, le occasioni perse e quelle buttate, un libro non restituito, l’agosto a casa da solo, Elche e Alicante, Londra e Manchester, le solite delusioni dal Pd, godo alfano, il compleanno di fabby, gli amici, quelli di sempre e quelli nuovi, il dr why e i top dogs, il summer jamboree, la libertà di stampa, nancy brilli, il todifestival, l’enpals, l’addio a ibra e la sorella lontana, tanti amici in giro per l’europa, quegli occhi particolari, il commissario montalbano, almudena grandes, nick hornby, i’ ppalio, la differenza tra il concetto di dittatura e totalitarismo, le commissioni parlamentari, il 19, mia nonna, il caffè, i progetti per la casa, le feste in terrazzo, le udienze da solo, l’antologia di spoon river e non al denaro, il primomaggio, nanni moretti, l’esordio in promozione, il congresso, gli afterhours, i marlene kuntz, gli offlaga disco pax, la consolazione illuminata, la vittoria al fantacalcio, bologna, l’anpi, la prima volta a san siro, gli ex della sinistra giovanile, l’assistente parlamentare e l’assistente arbitro…

Buon anno!

Progetti per il futuro

Pubblicato: 9 dicembre 2009 in Uncategorized
Tag:, , , ,

4 Dicembre 2007

Aprire un blog è uno dei tanti progetti per il futuro, o buone intenzioni, che ci si pone, e che mi sono posto anch’io. Certo, non è il più importante. Come i buoni propositi per l’anno nuovo, o per il domani, che sono progetti per il futuro a breve termine: essere buoni, mettersi a dieta, sistemare la camera, studiare, risentire persone perse di vista.
Poi c’è aprire un blog.
Ci avevo già provato, anzi credo che nelle discariche del web, se esistono, dovrebbe essercene anche uno, da qualche parte, mai utilizzato. Non ho mai avuto un diario segreto o personale, figuriamoci la sua moderna versione, che poi è tutt’altro che segreta. Non so neanche di che parlerò, non so neanche se lo aggiornerò più di tanto, può darsi tutti i giorni, come può darsi ogni tre mesi.
Progetti per il futuro: non sottovalutare le conseguenze dell’amore. Mi viene suggerito dall’ultimo film che ho visto due sere fa: “Le conseguenze dell’amore” appunto, di Paolo Sorrentino.
Un misterioso personaggio, all’apparenza freddo ed insensibile, crolla quando per la prima volta si accorge di due dolci occhi che lo guardano. E riflette sulla sua vita. Fino a trovare la morte.
Non sottovalutare le conseguenze dell’amore.
No, nessun riferimento a vicende personali.
Poi ci sono i progetti per il futuro a lungo termine, che sono i più difficili, ma anche i più interessanti.
Ora, se è vero che venticinque anni è l’età in cui perfino un maschio italiano inizia ad avere il sospetto di essere diventato adulto, di tempo me ne rimane poco.
E allora mi sa che di progetti per il futuro, dovrò iniziare a farne sul serio…