Archivio per novembre, 2011

Salut a soreta

Pubblicato: 12 novembre 2011 in Oggi me la prendo con

C’ero a guardare quelli che gli urlavano di vergognarsi. Defilato, ho fatto un passo indietro anch’io, per guardare più loro che lui.
C’era il poliziotto che fino all’ultimo lo difendeva anche se “no ma io non l’ho votato eh”, e c’era un buffo omino con degli strani occhialetti, accaldato e incazzato. Il primo guadagna poco più di mille euro, il secondo, apparentemente, molto di più. “E’ vero però, i ristoranti sono pieni… la crisi ancora non c’è”, abbozzava il poliziotto. “Sì, sono pieni di loro e delle loro zoccole!”, rispondeva l’omino. Uno dei dilemmi senza risposta lasciati dal berlusconismo consiste proprio in questo: come le classi di riferimento di destra e sinistra si siano completamente mescolate, se non invertite, e come mai oggi alla sua caduta brindino gli industriali e piangano le donne delle pulizie.

Non siamo in piazzale Loreto, momento alto di sfogo e di liberazione di un popolo non formidabile in reazioni ma finalmente liberato dall’oppressione. Qui non c’è nessun dittatore appeso e vilipeso dalla folla.
Non siamo nemmeno davanti all’Hotel Raphael, che pure si trova qui dietro a pochi metri, ma in realtà è distante anni luce: non c’è un politico corrotto a cui tirare monetine, non c’è un popolo che si riscuote e con violenza e coscienza trova un colpevole e lo travolge.
C’è solo l’uomo politico più influente degli ultimi vent’anni (altro…)

Italians die better

Pubblicato: 8 novembre 2011 in Oggi me la prendo con

Quanto si vive bene in Italia.
E quanto si muore bene in Italia.

In Italia puoi morire annegato vivendo in un seminterrato. O anche annegato per strada, se ti trovi lì al momento giusto.
Muori perchè la tua casa è sotto il livello del fiume, e il fiume quando si riempie e decide di uscire non sta tanto a pensare a chi c’è. Muori perchè vengono giù muri pericolanti, perchè franano le strade, perchè crollano le dighe costruite male. Oddio, a volte nemmeno serve una vera alluvione, bastano un paio d’ore di pioggia, i tombini che non vengono mai puliti e le strade che si allagano subito. Si muore anche per questo in Italia.
Certo, se nel letto del fiume ci costruisci le case è un po’ più facile morire, ma in Italia succede anche questo.
Però so disgrazie, perchè più di tutto in Italia si muore a lavoro. Magari in un edificio pericolante, lavorando a 4 euro l’ora.
O cadendo da un’impalcatura non a norma, in un cantiere non a norma. In un’acciaieria, in un porto, a volte perfino in un supermercato. Insomma, se ti piace morire a lavoro, in Italia sai come fare. Certo, devi essere un operaio, perchè se sei un imprenditore al massimo ti puoi suicidare, ma dovresti avere dignità e fegato, sì in Italia succede anche questo ma la procedura è complessa.
Se non hai fretta ma vuoi un risultato certo, puoi scegliere l’eternit. Quella polvere bianca che ha fatto ricco il tuo paesino non si attacca solo ai muri, ma anche ai polmoni, e non li lascia più.
Ma se la tua passione è studiare ci sono tanti modi per morire anche sui libri: (altro…)