Alla loro altezza

Pubblicato: 10 agosto 2011 in guardate

“Già dall’anno scorso ho messo in atto una “risibile” quanto personalissima forma di protesta, imponendomi di non partecipare a nessuno spettacolo ed anche quest’anno il “posto” riservatomi per il mutamento degli scenari politici è rimasto vuoto”
Bruno Bertini, all’epoca assessore comunale in quota Fiamma Tricolore, in riferimento al TodiFestival 2007, 23 luglio 2007

“E’ assurdo che una rappresentante del popolo possa agire nella logica di “muoia Sansone con tutti i Filistei”. Non solo non hanno dato cenno di collaborazione affinché la manifestazione culturale primaria della Città riuscisse, ma stanno organizzando, per la serata di chiusura del Festival, un’altra manifestazione nell’area verde di Cappuccini con il Tuderock, Non ci sono parole per definire la meschinità di un simile atteggiamento […]
L’opinione pubblica deve sapere di quali ignobili azioni siano capaci, azioni che squalificano una figura politica che è proposta dal Centrosinistra come una delle future candidature a sindaco. Hanno sempre disertato ogni manifestazione culturale presentata in questi anni e non contenti hanno anche influenzato i cittadini per fare altrettanto. […]

Mario Epifani, consigliere comunale Fiamma Tricolore, 8 agosto 2011

“Grave l’atteggiamento del Consigliere Romina Perni che, tentando di politicizzare un iniziativa (proprio “un iniziativa” hanno scritto, NDR) culturale come il Tuderock, spera di boicottare il Todiartefestival, non rendendosi conto di arrecare danno alla città, al tuderock e ai tanti giovani che desiderano solo suonare e divertirsi.”
Comunicato Pdl Todi, 9 agosto 2011

Hanno fatto finta per anni di portare avanti il Tuderock, puntando invece ad affossarlo. Per fortuna oggi il Tuderock ha trovato altre strade per sopravvivere.
Fino al 2007 hanno sputato merda ogni giorno sul TodiFestival, accusandolo di essere una manifestazione che portava avanti i “soliti valori” come l’antifascismo e il femminismo e rappresentava solo spettacoli “intrisi dell’ideologia comunistoide”.
Hanno mortificato la vitalità della Biblioteca comunale, con ogni mezzo.

Hanno svilito la stagione di prosa, tagliando i fondi ed escludendola dal circuito regionale, con il risultato mirabile di diminuire la qualità e il numero degli abbonati e dei biglietti venduti.

Chi è che si dovrebbe dimettere?

Annunci
commenti
  1. semmai dismettere…sono automi che ripetono sempre lo stesso brodo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...